Pubblicità

CercaClienti.it venduta per 500mila €

0

La storia di successo della Startup Riminese.

Un gruppo con un secolo di vita sedotto da una giovane startup: è la storia di oggi che vede protagonisti il Gruppo Maggioli, impegnato nell’innovazione per pubblica amministrazione, professionisti e aziende, e la startup Cercaclienti.it, ideatrice di una piattaforma per fornire in pochi click ai professionisti i nomi di potenziali clienti. Lo sfondo della storia è Sant’Arcangelo di Romagna (Rimini), dove entrambi hanno la loro sede. Il lieto fine sono i 500mila euro ottenuti dalla startup. Ma certamente anche i vantaggi che ricaverà il gruppo dall’acquisizione.

Nei giorni scorsi Giacomo Arcaro, 31 anni, ha ceduto a Maggioli il 55% della startup da lui creata nel 2014 insieme ai coetanei Roberto Costantini e Mattia Bartolini per una cifra iniziale di 300mila euro. Altri 200mila sono attesi per la fine dell’anno.

Ditta CustomappIMG_2627Arcaro continuerà  a gestire la sua impresa, fondata appena due anni fa dopo la laurea in Design al Politecnico di Milano e 10 anni passati a costruire startup non andati a buon fine. Il suo motto è “non è importante quante volte fallisci, basta aver successo una volta sola.” Con Costantini e Bartolini, informatici, decide di lanciare questa piattaforma basata su una strategia di marketing innovativa. È noto che sempre più persone utilizzano il web per ottenere informazioni sul prodotto o servizio a cui sono interessate. Cercaclienti raccoglie le richieste di preventivo effettuate online, permettendo alle aziende di conoscere ed entrare in contatto con nuovi potenziali clienti. Non prevede alcun costo fisso né di iscrizione: l’utente può acquistare i contatti che gli interessano e nel momento in cui gli servono. L’acquisto può avvenire online o tramite un abbonamento concordato in base alle esigenze dell’azienda, dopodiché è possibile contattare direttamente il clienti.

Nell’anno della sua fondazione Cercaclienti.it ha vinto il concorso Nuove Idee Nuove Imprese, progetto nato nel 2002 per formare ed aiutare giovani imprenditori a creare imprese innovative nella provincia di Rimini e della Repubblica di San Marino. Adesso ha “vinto” l’acquisizione da parte del gruppo Maggioli, società dalle molteplici attività: editoria specializzata, quotidiani online e servizi internet; software gestionali, servizi e progetti personalizzati per l’informatizzazione della pubblica amministrazione; consulenza per il management pubblico; formazione a catalogo, in house e a distanza (e-learning); servizi in outsourcing e nuove tecnologie per la rilevazione automatica delle infrazioni al Codice della Strada; gestione delle entrate degli enti locali; modulistica online; servizi di digitalizzazione e conservazione dei documenti informatici; stampa offset, digitale e 3D, servizi per musei.

L’Ad del gruppo, Paolo Maggioli, si dichiara soddisfatto dell’acquisizione. “Giacomo e i suoi soci – ha detto al Resto del Carlino – hanno portato grande entusiasmo e idee assolutamente innovative. Non è la prima startup che acquisiamo ma è forse la più interessante, di certo quella che ci è costata di più”.  E, a proposito della decisione di lasciare il timone di Cercaclienti.it ad Arcaro, Maggioli dice: “E’ importante che siano loro a portare avanti l’azienda”. Da parte sua Arcaro conta di incrementare i 1000 abbonati raccolti in questi due anni sfruttando il bacino delle centinaia di migliaia di clienti che a tutt’oggi si rivolgono al gruppo.

Maggioli, che nonostante le dimensioni è a conduzione squisitamente familiare (presidente Manlio Maggioli, AD Paolo, direttore risorse umane Cristina Maggioli, direttore commerciale e marketing Amalia Maggioli) non è nuovo a operazioni di open innovation.

Giacomo Arcaro è anche il founder di Black Marketing Guru, uno studio di “unconventional marketing” verticale sui social network che oggi, a distanza di appena 10 mesi dalla sua fondazione, conta 22 dipendenti e clienti del calibro di Bulgari, Rimini Fiera, SCM, Baldinini, PhotoSì, Google.
Ditta CustomappIMG_2634

Share.

About Author

Leave A Reply