Pubblicità

Un comparto dopo l’altro si realizza il Progetto Tiberio

0

Ha voluto essere un momento di festa quello organizzato dalla Società de’ Borg per la conclusione dei lavori e l’apertura del nuovo parcheggio Tiberio 2, l’intervento che amplia di circa 100 posti la disponibilità di parcheggi al servizio del Borgo San Giuliano.

Un momento di festa a cui ha voluto esser presente anche il Sindaco di Rimini Andrea Gnassi che ha ricordato come il nuovo parcheggio, ricavato da un campo incolto dietro al condominio di via Tiberio, sia parte dell’intervento generale di riqualificazione del Borgo San Giuliano, di cui quello dei parcheggi è solo uno dei 5 comparti  con cui si dispiega il progetto coordinato e integrato di complessiva riqualificazione urbana denominato “Progetto Tiberio”. Un progetto complessivo, che comprende non solo la riorganizzazione della viabilità, ma anche la valorizzazione di un’area storica straordinaria della Città e che, oltre ai due comparti “Parcheggi” e “Piazzale Vannoni” (anch’esso terminato) è completata dai successivi 3 comparti.

Progetto Tiberio: lo stato dell’arte

Con la fine dell’intervento “Tiberio 2”, secondo e ultimo stralcio dell’intervento sui parcheggi, da oggi saranno ben 436 in totale i posti auto per la sosta su tutta area Tiberio (parcheggio Tiberio 1, parcheggio Tiberio 2, viale Tiberio), mentre erano 260 posti quelli regolamentati prima dell’inizio lavori nell’ottobre scorso.

Ora sarà la volta del “Tiberio 3”, ovvero la realizzazione della Piazza sull’Acqua – Parco Marecchia, dall’ importo complessivo 900.000 euro, che verrà anticipato a fine aprile dalla creazione di un parco archeologico (finanziato mediante art-bonus) mediante la realizzazione a fine aprile di un’area didattico – archeologica con collocazione delle antiche pietre del Ponte di Tiberio. Il terzo comparto prevede la riqualificazione dell’invaso del ponte e della porzione di parco antistante l’invaso con la realizzazione di un nuovo spazio urbano per la rivitalizzazione dell’area e la valorizzazione del bene storico monumentale tutelato con realizzazione di tribune naturali, piazza sull’acqua per eventi e manifestazioni che ha come sfondo il Ponte di Tiberio. Un intervento si collega, fisicamente e funzionalmente, con la creazione del Laboratorio Aperto all’interno dell’Ala Moderna del Museo Civico.

Con Tiberio 4, il “Canale”, dall’importo complessivo 950.000 euro, è prevista invece la creazione di una passerella galleggiante posta ove era presente la diga foranea realizzata dall’Arch. Viganò e poi rimossa. Si prevede di realizzare lungo via Bastioni settentrionali una passerella in quota che consentirà di realizzare un percorso pedonale protetto con funzione panoramica privilegiata sul ponte e percorso di collegamento. Sul lato Borgo San Giuliano verrà creata una nuova scala dalla Piazzetta Pirinela per accedere alle banchine e alla nuova passerella galleggiante, così da creare una vera e propria passeggiata monumentale e scenografica. Si prevede anche un belvedere dalla piazzetta come un’estensione della stessa sull’acqua per divenire cerniera di collegamento con il Ponte ed il Canale nonché luogo privilegiato di visione del monumento. Il progetto prevede anche l’integrazione con le nuove tecnologie per la realizzazione di un “laboratorio aperto” che dovrà sviluppare funzioni innovative, tecnologiche e socialmente inclusive.

Completerà l’intero progetto il “Tiberio 5”, ovvero l’intervento del primo tratto del Borgo San Giuliano dell’antica Via Emilia, un intervento propedeutico alla pedonalizzazione del Ponte che prevede la riqualificazione di Viale Tiberio mediante nuova pavimentazione e la valorizzazione di Via San Giuliano riproponendo l’antico percorso della Via Emilia. Importo complessivo 200.000 euro previsto nell’annualità 2017.

I fondi del finanziamento europeo POR-FESR Emilia Romagna 2014-2020

Per i progetti Tiberio 3 e 4, l’Amministrazione Comunale ha già attivato lo scorso anno l’iter per la richiesta di finanziamento europeo: è stata prodotta tutta la documentazione progettuale necessaria per l’ottenimento del finanziamento europeo POR-FESR Emilia Romagna 2014-2020 “Asse 6 Città attrattive e partecipate. Azione 6.7.1 Interventi per la tutela, la valorizzazione e la messa in rete del patrimonio culturale, materiale e immateriale, nelle aree di attrazione di rilevanza strategica tale da consolidare e promuovere processi di sviluppo”.

Il Comune e la Regione, entro il mese di aprile, dovrebbero sottoscrivere la Convenzione per l’ottenimento “ufficiale” del finanziamento.

I tempi

Come da cronoprogramma allegato alla documentazione trasmessa in Regione, il progetto esecutivo Tiberio 3 è già stato completato, ha già ottenuto tutti i pareri e si prevede la sua approvazione nel mese di maggio; nei mesi estivi verrà effettuata la pubblicazione del bando e la gara; si presume che i lavori verranno avviati dopo l’estate.

Il progetto definitivo Tiberio 4, in fase di completamento, verrà approvato nel mese di maggio; il progetto esecutivo potrà approvato nel mese di agosto (con l’ottenimento di tutti i necessari pareri) per poter così avviare le procedure di gara e iniziare il cantiere entro l’anno 2016.

Share.

About Author

Leave A Reply