Pubblicità

Welfare: il Consiglio Comunale approva definitivamente il nuovo regolamento per la gestione degli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica

0

Il nuovo regolamento per l’assegnazione e la gestione degli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica supera anche l’ultimo esame, quello del Consiglio Comunale, che nella seduta di ieri sera lo ha approvato definitivamente con 17 voti favorevoli, 3 astenuti e 2 contrari.

Con il nuovo regolamento si recepiscono le innovazioni legislative nazionali in materia fiscale – relative nello specifico a ISE/ISEE – e quelle in materia di Edilizia Residenziale Pubblica (ERP)  – introdotte dalla nuova legge della Comuni Regione Emilia Romagna- ma si apportano anche delle modifiche tese a uniformare i diversi regolamenti locali attualmente vigenti nei in ambito provinciale.

Tra le novità più importanti del nuovo regolamento, quella dell’introduzione di un punteggio ulteriore per un’anzianità di residenza di almeno 5 anni. Parallelamente, si riduce invece da 5 a 3 anni, l’anzianità di residenza necessaria per avere un punteggio aggiuntivo per gli anziani ultrasettantenni, andando così incontro alle famiglie che tengono in casa una persona anziana.

Un altro criterio introdotto dal Comune di Rimini, e presente al momento solamente nel regolamento di Rimini – quello di un punteggio aggiuntivo peri lavoratori colpiti dalla crisi – sarà recepito anche dagli altri territori, con alcune novità importanti. Su tutte, quella che amplia i beneficiari degli interventi non solo per chi deteneva un contratto a tempo indeterminato, ma anche per coloro in fuoriuscita dal supporto degli ammortizzatori sociali o coloro che, negli ultimi due anni, abbiano cessato attività libero professionali o artigianali.

“L’approvazione del nuovo regolamento – commenta Gloria Lisi, Vice sindaco con delega alle politiche abitative del Comune di Rimini – arriva alla fine di un lungo confronto a livello provinciale. Da oggi abbiamo uno strumento più snello, in grado di recepire le modifiche richieste per legge. Non solo, perchè le novità presentate, oltre a tendere ad una sostanziale uniformità territoriale, sono in grado di migliorare l’equità dei regolamenti andando incontro a chi, anche per motivi improvvisi e contingenti, si trova in uno specifico e contingente momento di vita, ad avere bisogno di un aiuto”.

Share.

About Author

Leave A Reply